Archivi del mese: gennaio 2010

Faccia di merla

Ah, merla, cara merla, il gelo manca. Son passati i tuoi giorni, e resti bianca. Oggi non c’è tanto freddo, a Torino, va già bene se toccheremo lo zero. Eppure è il primo dei “tre giorni della merla”. Era bello … Continua a leggere

Pubblicato in 1 | 7 commenti

La lingua batte senza protettore

Noto che i frequentatori di questo blog hanno in comune l’amore per la buona scrittura, dove il “buona” riguarda l’aspetto formale e non contenutistico. Proprio oggi un amico di Facebook mi tagga (anglismo che lui aborrirebbe) in una sua nota … Continua a leggere

Pubblicato in 1 | 6 commenti

La giornata della memoria strabica

Indire la “giornata mondiale della memoria” senza precisare che è dedicata solo all’Olocausto è come indire una “giornata della prevenzione” senza specificare di cosa. E’ come impadronirsi della memoria collettiva per dedicarla tutta e solo ad un’immane tragedia che tutti … Continua a leggere

Pubblicato in 1 | 11 commenti

Alberto da Guernica

Sulle conclusioni tratte nel post “L’uovo che verrà”, Marco Ammirati invia due link (a La Repubblica e al Giornale) accompagnandoli con la frase ottimistica “eppur qualcosa si muove… il vento sta cambiando”. A parte che sarebbe ora, anzi, se anche … Continua a leggere

Pubblicato in 1 | 1 commento

Tornatore torna a casa

Toh! All’Oscar 2010 l’Italia non sarà rappresentata dal film “Baarìa” di Giuseppe Tornatore. La mappazza sentimental-goscista sugli albori del comunismo in Sicilia è stata trombata già nelle preselezioni. Alte lagne si levano dall’ambiente cinematografico, dimostrando (ove mai ce ne fosse … Continua a leggere

Pubblicato in 1 | 1 commento

L'uovo che verrà

E’ arrivato oggi nelle sale “L’uomo che verrà”, di Giorgio Diritti, prodotto da Rai Cinema. E’ stato il film più premiato all’ultimo Festival di Roma, quel costoso doppione di Venezia imposto da Veltroni alle nostre tasche. E di cosa parla … Continua a leggere

Pubblicato in 1 | 2 commenti

Michele l'intenditore

Nella filosofia del “sono troppo vecchio per bene vino cattivo” ci sta anche una considerazione: giudicare buono o cattivo il vino è operazione soggettiva, legata ai gusti, sui quali “non est disputandum”, è inutile discutere. Lo dicevano già i latini. … Continua a leggere

Pubblicato in 1 | 1 commento