Archivi del mese: gennaio 2016

Filastrocche

Più divento vecchio, più volentieri parlo in piemontese, la lingua che sentivo di più in famiglia e per strada quand’ero bambino. Proprio vero che invecchiando si ritorna bimbi (e infatti la più bella canzone di Piero Finà si intitola “quando … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 6 commenti

Il disegno nascosto

L’altra sera sul tardi pensavo a Titti con particolare magone (mi capita ancora anche se sono passati più di dieci anni) e al momento di andare a letto sono andato a riporre sullo scaffale il libro finito la sera prima, … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 1 commento