Archivi categoria: Uncategorized

Meglio una volta?

Di fronte al caso del neonato abbandonato in strada a Settimo e morto, tracima da Facebook un fiume di esecrazioni per i genitori (e qui ci può, anzi ci deve stare) e per l’epoca amorale in cui viviamo. Qui invece … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 1 commento

PIFFERAI E PIFFEMEDIASET

Basterebbe ricordare le vittorie elettorali della Appendino in Piemonte e del Brexit in Inghilterra, entrambi dati per sconfitti dai sondaggi e dai mass media, per capire due cose. La prima è che i sondaggi (soprattutto gli”exit-poll”) sono ingannevoli e si … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Indispensabilità delle etichette

Non ci piace essere etichettati, ma siamo noi stessi ad etichettarci, più o meno consapevolmente, per fissare la nostra identità. Parlare in dialetto, ad esempio, aiuta, e infatti è un’etichetta. Tutto, è etichetta. E alla fine un’identità emerge, da sola … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 2 commenti

Identità e immigrazione

Vi furon epoche di isolamento e scarsa mobilità sociale (come il medioevo) in cui l’identità non dovevi né fabbricartela nè comprarla fatta, perché ti veniva assegnata dalla nascita. Se nascevi servo avresti fatto il servo, come i tuoi avi e … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 2 commenti

Originale v/s banale

Amo dire e fare cose banali per scelta, avendo capito che nulla è più banale che il cercare di essere originali ad ogni costo. “Banale” deriva dalla radicale celtica ban (la stessa di bando) che indicava le prerogative del feudatario. … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 2 commenti

Filastrocche

Più divento vecchio, più volentieri parlo in piemontese, la lingua che sentivo di più in famiglia e per strada quand’ero bambino. Proprio vero che invecchiando si ritorna bimbi (e infatti la più bella canzone di Piero Finà si intitola “quando … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 6 commenti

Il disegno nascosto

L’altra sera sul tardi pensavo a Titti con particolare magone (mi capita ancora anche se sono passati più di dieci anni) e al momento di andare a letto sono andato a riporre sullo scaffale il libro finito la sera prima, … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 1 commento