Archivi del mese: settembre 2009

La Madelon (ultima puntata)

L’uomo con la barba bianca pescava e meditava (due cose che vanno bene insieme). Sapeva ciò che dei pesci e dei pensieri avrebbe scritto, e sapeva che la solita fedele lettrice gli avrebbe chiesto se doveva prendere quelle parole come … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 5 commenti

La Madelon (quinta puntata)

Questo (ed altro) pensava l’uomo con la barba bianca e l’anima stanca mentre tradiva la sua fedele canna con una di passaggio. Era successo in fretta e per caso (un vicino d’ombrellone l’aveva invitato all’ultimo momento, per non prendere il … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

La Madelon (quarta puntata)

Era curiosa questa storia dei sogni belli che finivano “prima”. Ma fortunatamente finivano prima tutti, anche gli incubi. Era come se l’uomo, man mano che la sua barba nera diventava bianca e la sua anima fiera diventava stanca, avesse imparato … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 2 commenti

La Madelon (terza puntata)

L’uomo con la barba bianca e l’anima stanca si è preso una pausa, dall’ultima puntata. Motivazioni “nobili”: anniversario del funerale di sua figlia… lutto per i militari italiani caduti in Afghanistan… Meno nobili: pigrizia senile… renitenza anarcoide all’oggi devo… dubbi … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 4 commenti

La Madelon (seconda puntata)

Poi era arrivata l’epoca di Giugi, gran cacciatore, pescatore e poeta. Era il secondo figlio di zia Pina, e aveva vent’anni più di lui. A quei tempi (gli anni ’50) la caccia e la pesca erano ancora sport molto popolari, … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 1 commento

La Madelon (a puntate)

L’uomo con la barba bianca e l’anima stanca sognava ancora. Uno dei sogni ricorrenti più belli che faceva era la pesca. Perché ci sono dei sogni ricorrenti nella vita di ognuno. Belli o brutti. Fra i brutti ricordava le interrogazioni, … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 5 commenti

Le spine foderate

Chissà se mio nipote Marco da vecchio ricorderà c’ero anch’io, al suo primo giorno di scuola, in prima elementare (ora si chiama cacofonicamente “prima primaria”). Io rammento chi c’era al mio primo giorno, secoli fa, e anche l’atmosfera d’allora, seriosa, … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento