Merdacce e buonsenso

Oggi il mondo della scuola era in subbuglio per la riforma universitaria Gelmini. A Roma hanno anche dato l’assalto al Senato. Solite scene di guerriglia urbana (la sinistra ha sguinzagliato i suoi pit-bull dei centri sociali), con l’aggravante che la riforma più che altro interessa ai docenti, e gli studenti non c’entrerebbero. Sono i prof che temono la non riconferma. Ma sono riusciti a coinvolgere i soliti, pochi studenti politicizzati, per poi far dire ai media che “il mondo scolastico, compatto, è in subbuglio”. Compatto ‘sto par di balle. Dèjà vu. Stessi metodi del ’68 e anni seguenti. Lo prova il fatto che si siano fermate anche le scuole medie per una riforma che riguarda l’università.
Piccolo cammeo nella situazione: nella media dove studia mio nipote avevano avvisato di portare i ragazzi alle 9, perché la prima ora “saltava per solidarietà coi compagni precari che lottano contro la riforma Gelmini”. Peccato che i genitori, normalmente, lavorino, e quindi non possano aspettare le 9. I più hanno scaricato i pargoli davanti alla scuola alle 8,30 e sono andati via. I ragazzi hanno suonato per entrare e stare al caldo (stamane a Torino c’erano a quell’ora 2 gradi sopra zero), ma… sorpresa! Vietato l’ingresso fino alle 9. La bidella non voleva responsabilità, e dato che la scuola risponde dei bambini solo quando sono “ufficialmente dentro”, ecco la soluzione. Chiuderli fuori.
Ecco la vergognosa fuga dalle responsabilità dei dipendenti pubblici! Ecco l’idolatria del ‘mansionario sindacale’ (io sono un bidello, e il mansionario dice che non mi compete badare alla disciplina dei ragazzi). Ecco il funerale del buon senso! Ecco anche il cinismo crudele della preside, la negazione della sua missione educativa (“…chi se ne frega, basta che io non abbia grane, poi che crepino di freddo, che si prendano un accidente, che vadano pure in giro (ragazzini e ragazzine di 11 anni!) ad aspettare le nove, al bar, a fumare, a bere, a fare quel che vogliono, purché non lo facciano dentro la scuola, e se vanno sotto una macchina, pazienza…”).
Compagni: siete delle merdacce.
Che Norberto Bobbio abbia detto “Finche ci sarà un solo fascista in Italia, non potremo dirci un paese civile” è un falso clamoroso, che però gira su Facebook, grazie al vizio della disinformazione così radicato in voi, della serie “una bugia ripetuta mille volte diventa una mezza verità, chi mai avrà la pazienza di controllare una per una tutte le opere e le interviste di Bobbio per smentirci?”
Che io dica “Finché ci sarà un solo comunista al mondo, il mondo sarà incivile” sarà magari un’opinione, ma almeno non è un falso. E aggiungeteci pure il “merdacce”. Ve lo meritate. Con il mio più profondo disprezzo.
Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

8 risposte a Merdacce e buonsenso

  1. E.Raser ha detto:

    Universita’ rimbambita.
    qui in Ancona son saliti sul tetto di ing con lo striscione NO AI TAGLI
    è a tutti noto che, dato il diagramma dei carichi, l’integrale primo è il diagramma dei tagli, l’integrale secondo il diagramma dei momenti flettenti, l’integrale terzo il diagramma delle inclinazioni, l’integrale quarto la linea elastica.
    i tagli li fa la Gelmini
    i momenti flettenti sono le necessarie sporadiche posture coi Baroni
    le incinazioni si maturano con gli anni, a livello inconscio
    la linea elastica è la migliore pratica professionale.
    cerco studenti per andare a rinnovare la lapide della Facolta’ di Spreco& Commercio in FACOLTA’ DI FALSIFICAZIONE MONETARIA

  2. Zoe ha detto:

    Da “Cuore”, 2 Novembre.
    Questo giorno è consacrato alla commemorazione dei morti. Sai, Enrico, a quali morti dovreste tutti dedicare un pensiero in questo giorno, voi altri ragazzi? … Pensa alle tante maestre che son morte giovani, intisichite dalle fatiche della scuola, per amore dei bambini, da cui non ebbero cuore di separarsi … ogni cimitero ne racchiude centinaia di queste sante creature, che se potessero levarsi un momento dalla fossa griderebbero il nome d’un fanciullo, al quale sacrificarono i piaceri della gioventù, la pace della vecchiaia, gli affetti, l’intelligenza, la vita … Tanto siete amati, o fanciulli!
    Z

  3. iomeelapravda ha detto:

    Per essere “merdaccia”, caro Manlio, non e’ condizione necessaria essere comunista: ecco quindi la ragione potresti benissimo esserlo anche tu (merdaccia, bene inteso!).

    In questi giorni di cazzate (e diciamolo una buona volta!) sul sistema universitario ne ho sentite un mucchio e la cosa che mi ha piu’ lasciato attonito e’ che la maggior parte dei sostenitori di una riforma assolutamente insensata (per dirne una: aumenta a dismisura il potere dei rettori che infatti l’hanno difesa o comunque non ostacolata) e che impoverisce drammaticamente il sistema universitario sono proprio persone che nei pubblici atenei hanno compiuto i loro studi e che ad essi debbono la loro formazione.

    Chi poi difende l’operato di questa maggioranza in materia universitaria si ricordi delle “libere universita’” scandalose volute da berlusconi (un esempio: “Università europea degli studi Franco Ranieri” di messina) che essendo riconosciute dalla Repubblica rendono valido in tutto il mondo un titolo fasullo comprato a suon di banconote. E che dire poi dell’articolo sull’universita’ telematica ecampus (CEPU) presente nel ddl gelmini?

    No Manlio, i baroni non erano sul tetto e di compagni ce n’erano veramente pochi; li’ ci sono salite quelle persone che hanno ancora a cuore l’universita’ pubblica e la sua accessibilita’ a tutti. E con tutti intendo persino chi, in spregio alla meritocrazia, ci mette un sacco di anni a laurearsi…

    P.S. Come prendi il taxi quando c’e’ lo sciopero degli autobus, quando c’e’ la scuola chiusa entri piu’ tardi a lavorare perche’ mollare li’ davanti il pargolo e poi dare la colpa al bidello e’, per usare una espressione a te cara, da merdacce.

  4. missis Horse ha detto:

    @iomeelapravda voglio ricordarti che l’espressione “merdacce” non è amata soltanto da Manlio ma da milioni di persone. Io, però, preferisco zecche perchè mi fanno meno schifo a pestarle.

    • iomeelapravda ha detto:

      misshorse.. quando proverai ad entrare nel merito dei post? Lo so che e’ difficile pensare ma se mangi un paio di barrette di cioccolato e prendi un po’ di acutilfosforo potresti anche riuscirci 😀

  5. missis Horse ha detto:

    grazie iomeelapravda… se non ci fossi tu dovrebbero inventarti!
    Purtroppo ci sei 😦
    Ma perchè ci sei? Non sarebbe stato meglio che non ci fossi stato? Non vedi in che stato sei????

  6. missis Horse ha detto:

    scusa ho fatto un errore, mi correggo : se non ci fossi stato avrebbero dovuto inventarti! (HORROR)

  7. missis Horse ha detto:

    PS
    iomeelapravda@ hai fatto un errore e cioè quello di avermi considerata facendo un commento sulla mia affermazione.
    Se fossi stato un pochino più astuto avresti dovuto ignorarmi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...