Madonna bu'aiola

Leggo che Veronica Ciccone, in arte Madonna, vuole adottare una bimba del Malawi “a tempo” (18 mesi di prova, della serie “soddisfatti o rimborsati”), sfruttando il potere dei suoi soldi e della sua popolarità, e penso a quanti genitori, invece, devono fare i salti mortali per poter adottare un bimbo nel terzo mondo. Al punto che sovente, per l’esasperazione, finiscono per imboccare brutte scorciatoie. Ricordo il caso scoperto a Bari qualche anno fa, un traffico di bambini “su ordinazione” attuato da una gang rumena. Per stanarla, i carabinieri si erano infiltrati fra le coppie che partecipavano all’asta. L’offerta più alta era stata 50 mila euro, costo-standard per un’adozione nel terzo mondo. Il vantaggio, a Bari, era meno viaggi e niente burocrazia. I caramba, da buoni caramba, avevano rilanciato a 350 mila, addirittura sette volte di più (stupisce che i rumeni non abbiano mangiato la foglia), e ovviamente si erano aggiudicati il pupo. Dopo che la banda fu arrestata, si scoprì che il bebé era stato pagato 25mila euro alla madre, cioè circa il 7% del prezzo finale.

E’ questo il mercato moderno, signori. Privilegia chi traffica, mica chi produce. Perché non basta, oggi, avere idee e prodotti. Bisogna farlo sapere al consumatore, convincerlo a desiderarli, confezionarli, portarli sul luogo di smercio, venderli, incassare. Questo nei mercati liberi. In quelli controllati ci sono anche le tangenti per chi ti “permette” di vendere. Mettici, fra queste, non solo il “pizzo” mafioso, ma anche quello legale rappresentato da licenze, concessioni governative, tasse. Se vai a vedere cosa prende il contadino di quel che tu paghi al verduriere, scoprirai che non è lontano da quel 7%. Idem per il cinese che ha cucito la tua giacca firmata.

La madre del bebé, quindi, non poteva lamentarsi. Il problema è capire come avesse potuto trattare il prezzo del figlio mentre ne sentiva i calcetti nel ventre. E perché non aveva voluto neanche toccarlo dopo il parto. Una che faccia così è un mostro sotto il profilo antropologico, prima ancora che morale. Ma la vera nefandezza è ucciderlo, l’infante. Chi lo abbandona o lo vende, pensa magari di dargli così un futuro migliore (la storia è piena di esempi, basti fra tutti quello di Mosè nel Nilo). E comunque vendere, abbandonare o uccidere neonati, per miseria lo si è fatto sempre. Per vergogna sociale spessissimo. La variante di oggi è l’avidità. E neppure quella, a pensarci bene, è tanto nuova.

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Madonna bu'aiola

  1. Anonimo ha detto:

    Non è una storia nuova, però dimostra che con il potere, i quibus, la fama, si può fare (quasi) tutto…..!! Ahimé…
    Sempre piacevoli da leggere i tuoi post, Manlio, grazie.
    Carmen

  2. Mario Scarponi ha detto:

    Cannon Street, a Londra, carica la polizia.

    WWWWW le strade.

    al diavolo la Banca d’Inghilterra

  3. health ha detto:

    From your article, know a lot.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...